sabato 31 marzo 2012

SNAFU 2.0: CROSSBONE FEST!

Il buon Enri dei Teenage Gluesniffers, anche se un pò forzato dalla caserma SNAFU, ci invia con il 2.0 un report della loro recente data al Crossbone Fest...lo si ringrazia...magari in futuro non farti pregare eh...


Ed eccoci arrivati al solito report che tanto amo scrivere dopo le date all'estero. A 'sto giro toccata e fuga in Belgio, destinazione Houthalen-Oost, JH The Bassment, per la precisione al CrossboneFest organizzato dalla Lost Youth Records, etichetta che ha fatto parte della gang criminale DIY che sta dietro al release del nostro 7" split con Geoff Useless.A 'sto giro ci siamo portati dietro parecchia Italia, con crew abbondante composta da:
- band (Pably, Fra, Enri)
- chitarra aggiuntiva (Fabio Creeper)
- tocco femminile (LaMarty, Barbara, Simo)
- supporters emotivi (Melo, Menager)
- new entry neo venticinquenne (Dos).

Ritrovo killer alle 6.45 a Orio al Serio, con gente che arriva diretta dalla serata precedente e altri che risentono di una mattinata viziosa cominciata troppo presto. Caffè, giornali e si supera noiosamente il metal detector. Questa volta abbiamo deciso di viaggiare al risparmio e di farci prestare tutti gli strumenti là da svariati amici, per cui non ci resta che sederci, leggere la Gazzetta, ordinare panini con lo speck e pizze e appurare che l'aereo partirà con un'ora di ritardo. Ma siamo tutti felici e contenti quindi importa poco.Il viaggio in aereo è la cosa più scomoda del mondo, sembra che ad ogni giro Ryanair rosicchi centimetri vitali ad ogni singolo viaggiatore; ovviamente non riesco a chiudere occhio ma fortunatamente il viaggio dura solo un'ora e mezza e quindi si sopravvive. Arriviamo a Charleroi, passiamo a ritirare le due auto a noleggio (a 'sto giro Golf e Hyundai qualcosa) e si parte verso Houthalen. Le strade sono completamente sgombre e la radio belga passa le zarrate dello zoo di 105. Houthalen è una cittadina molto olanda style, con le villette allineate rigorosamente senza cancelli o recinzioni di nessun tipo, assolutamente deserta quando ci entriamo all'1 di pomeriggio, con un gran caldo, contrariamente alle aspettative. Arrivando al locale incontriamo però le prime facce note, ovvero i Priceduifkes, che birre alla mano ci accolgono e ci invitano ad andare in piscina con loro. Noi però siamo a digiuno da diverse ore e preferiamo farci un giro in centro per cercare qualche posto dove pranzare. Troviamo McDonalds, kebabbari e un temibile Quick Burger e decidiamo di ripiegare su Den Tichel, una simil trattoria con cameriera italiana dove faccio sfoggio del mio olandese illustrando il menu a tutti e dove ci sfondiamo di prelibatezze locali quali zuppe di verdura, frikadelle, wafels e soprattutto birra (1.80 la piccola, 3.40 la media, e già è tanto per la serata che ci aspetta...). Ne usciamo appesantiti come vacche che sono già le 16 e mentre una macchina si dirige al! locale l'altra (la mia) va verso il posto dove dormiremo: Chiro Lokalen; descritto come un centro di aggregazione giovanile, sembra più l'appartamento di Axel de "I ragazzi dello zoo di Berlino". Prendo posto su una specie di cuscino coprisdraio da campeggio ed esco in fretta.

Arriviamo al locale che la prima band (Off the Charts) ha già iniziato, sistemiamo il banchetto e cominciamo ad usufruire della nostra cassa di birra. Cominciano ad arrivare un sacco di amici da tutta Europa e le scuse per bere si moltiplicano. Tra palco interno ed esterno si alternano altre tre band e alle 18.40 tocca a noi. Attimi di panico prima del concerto perchè ci rendiamo conto che manca una testata per la chitarra, difatti scomodiamo gli Accelerators e tardiamo un po'. Iniziamo al volo, sul palco non si sente veramente un cazzo ma ci facciamo la nostra scaletta e la parecchia gente presente apprezza. Fabio alla seconda chitarra si difende bene e rende il suono assolutamente più potente e pieno. Suoniamo "Boxcar" dei Jawbreaker e qualche local si prende bene di brutto. E' strano da vedere visto che in Italia quasi nessuno ha mai capito che si trattasse di una cover. Chiudiamo il set con "I don't wanna be" dei Teenage Creepers e ci leviamo dal cazzo. Time to party, o vorremmo fosse così. Mentre sui due palchi si alternano band che mi piacciono un sacco (Bat Bites, Accelerators,Windowsill...) cominciamo un po' tutti a risentire della sveglia e dei malesseri che alcuni di noi si portano dietro da alcuni giorni. Io stesso alle 20.30 sarei quasi intenzionato a salutare tutti per andarmene a dormire(trascorro tutto il concerto degli Hotlines su una panchina lì vicino), poi miracolosamente le cose non peggiorano e inizio a sentirmi meglio e cominciamo quindi a dare fondo alle scorte di birra. Quando finiscono, non c'è problema: la birra media costa 1.25 e ne siamo tutti contenti. Rientriamo al locale mentre la fauna belga si prepara per i Priceduifkes, local heros, che come al solito sparano un concerto perfetto e inte! nsissimo , alternando pezzi hc a cose più nuove e melodiche. E' una band che meriterebbe molta più attenzione di quanta non ne abbia anche fuori dal Belgio.Il locale è ormai ridotto ad una specie di cantina sociale quando finiscono.

Cambio palco praticamente inesistente e sul palco è già pronto Mike Yannich, in arte Mikey Erg, con chitarra elettrica d'ordinanza. Premessa: io amo gli Ergs! e sono stato più che contento di condividere il palco con quello che è uno dei migliori songwriter punk rock esistenti a mio parere. Ma cazzo, costava molto portare una chitarra acustica? Un concerto così dà l'impressione di uno che si è scordato il resto della band a casa, se suoni un intero concerto in power chords da solo senza nessun altro il risultato finale può essere una gran boiata. Questa però è una disquisizione tecnica che mi permetto ora che sono sobrio e a letto con l'influenza. Perchè al momento del concerto Mikey Erg avrebbe potuto anche suonare solo il triangolo e comunque non avrei potuto rimanere statico davanti a capolavori del calibro di "Saturday night crap-o-rama" o "Pray for rain". Già solo questi due sarebbero stati sufficienti, però a pioggia sono arrivati un sacco di altri classiconi e soprattutto un paio di cover dei Dopamines sulle quali ho perso completamente il lume della ragione. Nella forma un concerto un po' duro da digerire, nella sostanza una gran figata.

La maggior parte della crew rimane ancora un'ora a parlare con Sandrino (uno dei mille immigrati italiani conosciuti in trasferta) e poi va a dormire, io ormai recuperato al 100% rimango con Dos e Menager fino alle 5, concedendoci diverse ultime birre e guardando il locale svuotarsi. Veniamo annoiati a morte da un sosia belga di Ale Formenti e mentre è girato gli attacco addosso degli adesivi e gli verso una birra sui pantaloni. Lui non fa una piega. Ci spariamo due km a piedi per tornare al Chiro Lokalen e ci addormentiamo al freddo. Sette ore dopo siamo in piedi, appuriamo che al Menager è stata fregata la valigia,! caffè in un bar lì vicino dove la cameriera lascia il numero di cellulare sulla tovaglietta di Fabio Creeper (anche se forse puntava qualcun altro, purtroppo questo non è stato chiaro). Giro a Bruxelles nel pomeriggio a magnare schifezze e poi via verso l'aeroporto. Ristampare il biglietto (era nella valigia) costa al Menager 60 euro...alla fine il viaggio gli è costato come un volo in business class con Lufthansa. Il volo scorre via veloce, ormai ridefiniamo il concetto di stanchezza ma abbiamo ancora la forza di sparare un'ora e mezza di cagate e bere un'ultima Hooegarden in lattina. Grazie a tutti i miei compagni di trasferta per questa ennesima gita nel disagio degli altri paesi europei, grazie a Priceduifkes, Accelerators e Sander Windowsill per averci prestato gli strumenti, alla Lost Youth Records per averci invitato. In sostanza, grazie un po' a tutti, quando avete bisogno sapete dove trovarci.

The Grenades - Get in trouble

DIY - 2012

Questa band di rocker romani ci sa fare, il soldato SNAFU non può che ammetterlo. Il loro "Get in Trouble" è davvero un buon CD che mischia in maniera abbastanza sapiente un pò di pop punk canonico a tratti di memoria Billijoearmstronzesca venato con qualche spruzzo prepotente di band Rancid Style dal cazzo duro (tipo quelle un pò stradaiole con la voce che tende al roco e con i cori enfatici da Parma-Reggina).
Insomma un calderone registrato egregiamente, pure troppo pettinato forse (pignoleria gratuita questa), che potrebbe far impazzire un sacco di gente...il cd si scarica pure aggratis eh. Tuttavia sarà che il soldato SNAFU in trincea ne ha viste di tutti i colori...sarà per via di quella volta che ho visto il povero John Borderline saltarmi in aria a mezzo metro di distanza...ma a me il cd non conquista il cuore. Le melodie ci sono eccome (la title track e "Rob rules" lo dimostrano), gli arrangiamenti pure...però sto spirito di Lars Frederiksen in versione Green Dayana che mi aleggia sul collo proprio mi incute timore. Dateci un ascolto e fatemi sapere.

venerdì 30 marzo 2012

Low Dérive


Allora...il 3 Aprile uscirà il primo disco dei Low Dérive. Lo potrete trovare sulla loro pagina di BandCamp. Il release party sarà lunedì 9, keep in touch per maggiori info. E magari, se avete un'etichetta e anche del buon gusto, offritevi di stamparlo! Amen.

Veronica Falls @ Lo-Fi (London Loves)


Sebbene il Plastic abbia chiuso la sua sede storica e sia in attesa di riaprire somewhere else...la serata London Loves del venerdì oggi prende piede al Lo-Fi per un live dei Veronica Falls. Hanno due tipe in line-up. Vi prendono per la gola.

Portate la tessera ARCI. Ingresso CON consumazione. Selezione all'ingresso ASSENTE.

giovedì 29 marzo 2012

Trent'anni fa usciva "The Number Of The Beast"


“Woe to you, Oh Earth and Sea, for the Devil sends the beast with wrath, because he knows the time is short…let him who hath understanding reckon the number of the beast for it is a human number, its number is Six hundred and sixty six.”

Il 29 marzo 1982, la EMI e la sua sorella americana Capitol fecero uscire "The Number Of The Beast!, terzo album in studio per i britannici Iron Maiden. Il disco, prodotto da Martin Birch, diede alla band fama mondiale e la consacrò come massima esponente della NWOBHM. L’album vendette 14 milioni di copie in tutto il mondo, entrò direttamente nella top 40 per poi arrivare, il 10 aprile, al N.1 della Uk Chart e, nel giro di qualche mese, raggiunse i 5 dischi di platino e i 5 dischi d’oro. Fu l’ultimo disco per lo storico batterista Clive Burr ma anche il primo per il cantante Bruce Dickinson (ex Samson) al posto del licenziato Paul Di' Anno (che aveva orgogliosamente dichiarato di essersene andato di sua volontà).

Nell’Inghilterra di inizio anni Ottanta, dopo che il punk era diventato piuttosto monotono e commerciale, gli Iron Maiden, insieme agli altri gruppi della NWOBHM, erano molto amati dal pubblico inglese perché rappresentavano una ventata d’aria fresca sulla scena musicale. Erano la band più brillante e originale, a volte aggressiva a volte romantica, capace di mostrare tante sfaccettature differenti. Tuttavia il carattere da ribelle di Di' Anno e il suo abuso di alcol e droga iniziarono a compromettere l’attività del gruppo, soprattutto durante i live. Così la band decise di licenziarlo e prendere al suo posto Bruce Dickinson, chiodo fisso per Steve Harris, impressionato dalla potenza vocale e dalla presenza scenica del cantante. Nel bene e nel male, fu questa la scelta decisiva che permise alla band di arrivare al successo planetario.

Bruce si unì ai Maiden nel settembre 1981 e venne presentato al pubblico in ottobre, proprio durante alcune date in Italia. Una volta creatosi il giusto affiatamento, la band entrò in studio dove scrisse e registrò l’album nei mesi di novembre e dicembre. Il 7 febbraio 1982 uscì il singolo “Run To The Hills” che arrivò al settimo posto della Uk Chart. Tra il 25 febbraio e il 20 marzo la band fece venti date in Inghilterra dando inizio al “Beast On The Road” World Tour, imponente tour di 180 date che, durante tutto il 1982, portò la band attraverso Europa, Stati Uniti, Canada, Australia e Giappone.

Una delle peculiarità di questo capolavoro è lo slancio con cui tutta la band intraprese la sua realizzazione. Mentre prima era principalmente Steve Harris a dettar legge, con l’ingresso di Bruce, oltre che a un cantante eccezionale, la band acquistò una personalità artistica notevole. Le parti vocali di Bruce influenzarono notevolmente la stesura delle canzoni (tuttavia per motivi legali non fu possibile inserirlo tra i contribuenti), Dave Murray si confermò un solista straordinario e Hadrin Smith si dimostrò un songwriter eccezionale, capace di lavorare in perfetta sintonia con Harris. Il disco presentò un suono più aggressivo ed elementi innovativi rispetto ai due album precedenti e fu caratterizzato da nuove ed arricchite sonorità. L’album, con il magnifico artwork curato da Derek Riggs, è tutt’ora ritenuto tra i più importanti e influenti prodotti in ambito metal e include alcune delle più celebri canzoni della band, tutt’ora presenti nelle scalette di ogni concerto: “The Number Of The Beast”, “Run To The Hills”,” Hallowed Be Thy Name”, “22 Acacia Avenue”,” Children Of the Damned”.

Varie organizzazioni religiose, soprattutto negli Stati Uniti, criticarono il disco e la band fu accusata di satanismo. Alcune associazioni cercarono di boicottarne la distribuzione e furono organizzati roghi pubblici per distruggere le copie dell’album, mentre altri gruppi di fanatici si limitarono a rompere i vinili con dei martelli per paura di inalarne i fumi “satanici”. Tuttavia l’idea per la canzone “The Number Of The Beast”, per molti religiosi prova inconfutabile del satanismo dei Maiden, venne una sera a Steve Harris dopo aver fatto un incubo, spaventatosi per aver visto il film "La Maledizione di Damien" a notte fonda..

Ci sono molte leggende attorno alla lavorazione del disco. La stampa del tempo riporta di “fenomeni inspiegabili” durante le registrazioni ai Battery studios; luci che si accendevano e spegnevano da sole, porte che si aprivano all’improvviso, strani rumori e parti dell’attrezzatura di studio che si rompevano misteriosamente. Il tutto raggiunse l’apice quando il produttore Martin Birch fu coinvolto in un incidente d’auto con un minibus che trasportava un gruppo di suore, e il giorno dopo l’assicurazione gli presentò un conto di £666 sterline.

"The Number Of the Beast" è stato ed è tuttora un vero capolavoro, e lega a sé la storia della musica oltre che definire l’inizio di un nuovo percorso per gli Iron Maiden, da questo punto in poi lanciati nella leggenda.


UP THE IRONS!

mercoledì 28 marzo 2012

Intervista a FanBoy di "Figures in Action"

Il soldato SNAFU da pochi giorni si è imbattuto in un blog tosto: "Figures in Action".
Tre sono gli ingredienti principali: comicità immediata stile Sturmtruppen (o Ratman se preferite), fumetti super-eroistici, giocattoli. Inutile dire che SNAFU va pazzo per tutte e tre le cose. Da piccolo (diciamo fino ai 23 anni? diciamolo) ho sempre voluto fare il progettista di action figures...tipo i due tizi scoppiatissimi che si vedono in "Small Soldiers". La mia scelta universitaria venne fatta in base a questo motivo....inutile dire che ho fatto male i calcoli e ho frainteso la facoltà. Poco male....sognare non fa mai male.
Dicevo...c'è questo blog fighissimo in città che dovete assolutamente leggere...il suo autore, FanBoy, ci ha concesso una breve chiacchierata...e lo ringraziamo a nome della caserma.

Una strip fatta apposta per SNAFU da FanBoy <3

1) Ciao e benvenuto alla caserma del soldato SNAFU...non so come chiamarti lo ammetto; sul tuo blog lasci parlare le tue creazioni e si sa ben poco di te....puoi dirci qualcosa a riguardo? Chi sei?
Ciao e grazie dell'accoglienza. Il mio nome di battesimo è Federico mentre sul blog e nei vari forum il mio nom de plume è Fanboy perchè forse è quello che sono.

2) Quando nasce esattamente "Figures in Action" e quale è stata la scintilla che ha reso possibile la creazione di questo blog?
E' nato piano piano, probabilmente dalla necessità di trovare un escamotage che mi permettesse di "giocare" con una collezione di action figures sempre più nutrita. Questa necessità andava a braccetto con la voglia di realizzare delle strip, voglia fino allora frustrata dai miei oggettivi limiti artistici.
Ho iniziato a realizzare le prime rudimentali strip  utilizzando le apps del telefonino, poi ci ho preso gusto e ho scaricato un programma apposito ("Comic life"), così ho iniziato a fare le cose un po' più seriamente (si fa per dire). Ho iniziato a postare vignette nei vari forum e pagine facebook dopodichè ho aperto il blog.

3) Gli ingredienti del blog mi pare siano due: la comicità e le action figures legate al mondo dei fumetti/super-eroi. Quali sono le fasi di creazione di una vignetta? Da cosa ti fai ispirare? 
Mah, spesso cerco di dare una risposta concreta alle domande che mi sono sempre posto leggendo i fumetti (per esempio perchè nel 90% dei supergruppi fosse sempre presente un membro di colore ma mai più di uno. O perchè molti gruppi avessero in attivo un supereroe alato e a cosa gli servisse, ecc...), oppure interrogandomi su certi aspetti della loro vita privata, o anche mettendo in scena degli inediti team up (tipo bender e i vendicatori o cartman e l'uomo ragno ecc...).

4) In cosa consiste il processo più tecnico per la realizzazione delle "strip"? Hai un angolo di casa dedicato allo scatto delle foto? O la cosa è molto più semplice di quello che sembra?
No guarda, è semplicissimo. Metto le action figures davanti a un cartoncino bristol azzurro, illumino con due abat-jour e scatto la foto. Questo set improvvisato e un po' straccione può essere allestito in qualsiasi punto della casa.

5) Si direbbe tu legga fumetti. Specialmente DC e Marvel. Quali sono quelli che segui con maggiore passione? E poi...chi vince fra DC e Marvel?
Sì leggo parecchi fumetti, soprattutto supereroistici ma mi tengo fuori dagli inutili campanilismi tra Marvel e Dc che tanto si sa che la Dc è la migliore e la Marvel deve subire. Scherzo, leggo e apprezzo entrambi gli universi narrativi ma il cuore propende un po' di più per la DC, vuoi perchè sono cresciuto con i cartoni dei superamici e i telefilm di Batman (lo so, pessima infanzia), vuoi perchè la DC ha la Vertigo.

6) Mi è sembrato di leggere una sottile vena d'ironia (strano, se ne vede poca nel tuo blog eheh) nei confronti della nuova saga Marvel "Fear Itself". Cosa ne pensi? E' da cestinare?
 Per adesso ho letto solo il primo volume comunque mi fido molto degli autori coinvolti quindi  voglio crederci.

7) Siamo in attesa del film dei Vendicatori...cosa ne pensi dei Marvel Movies? Il soldato SNAFU li ha odiati con tutto il cuore...con il tempo però sta riuscendo ad apprezzarli. Per assurdo i suoi preferiti sono quelli del Punisher....forse tra i più sottovalutati...a ragione o a torto? Che dici?
No, io sotto questo punto di vista sono del tutto inattendibile, tendo a giustificare anche il movie comic più scadente. Mi basta vedere i miei beniamini sullo schermo che già non capisco più niente. 

8) Si direbbe tu abbia un'immensa collezione di Action Figures. Da quando le collezioni? Quante ne hai? E' una cosa che ti porti dietro da quando eri bambino o è venuta fuori con l'età, sotto forma di collezionismo?
Sinceramente non le ho mai contate, ho paura di spaventarmi.
Mi sa che non ho mai smesso di amare i giocattoli. Da bambino li adoravo ma questo è ovvio. Crescendo, da ragazzino, ho smesso di giocarci ma di sguincio buttavo sempre un occhio alle vetrine dei negozi di giocattoli, ben attento a non farmi scoprire dai miei coetanei. Quando sono uscite le af del cartone animato di Batman ero molto combattuto, comprare o non comprare. Alla fine non ho resistito, qualcuna l'ho comprata. Però mi sentivo terribilmente in colpa. Entravo nei negozi di giocattoli facendo il vago, "Scusi, non è che per caso ha i giocattoli di Batman. Sì? Mah, prenderò questo qui, speriamo che vada bene. Sa, non è per me. Me lo può incartare? E' un regalo". Poi il "collezionismo" ( con le prime af di Spawn della Todd Toys), mi ha dato una giustificazione per tornare a comprarli. Ora che sono un adulto sicuro di me (fai finta di crederci), non mi faccio più tanti problemi. Se una cosa mi piace la compro. Ahhh che bella cosa la maturità.

9) Dove ti rifornisci di Action Figures? Sei uno di quelli che ne compra due per ogni tipo? Una la apre e l'altra la lascia inscatolata? 
Le acquisto principalmente in rete. Ne compro una copia per tipo e, tranne qualche rara eccezione, la spacchetto. 

10) Al soldato SNAFU è venuta parecchia nostalgia nel vedere i suoi giocatoli di bambino...praticamente anche lui possiede tutti gli eroi Master of the Universe.....per non parlarti delle risate misto lacrime di commozione quando hai fatto comparire il pupazzo di Winston in versione cartone animato in mezzo alle Figures iper-fighe del film di Ghostbusters. Quali sono i pezzi a cui sei più legato emotivamente e perchè?
E' vero, vedere i vecchi giocattoli a fianco a quelli nuovi fa molto ridere. I pezzi a cui sono più legato sono quelli vintage, quelli della mia infanzia. Ogni personaggio ha una sua "storia", un suo ricordo. Quelli nuovi mi piacciono e tutto il resto ma sono un altra cosa.

11) Quale è la tua vignetta più riuscita? Quella che ti fa ridere anche a distanza di tempo....
Caspita, mi prendi contropiede. Forse quelle con la coppia Booster Golg & Blue Beetle. Tipo quella con il Ryuk o quella con Leonida. Mi piace anche quella con Man-e-faces e Skeletor.

12) Domanda di rito che facciamo a tutti quelli che passano dalla caserma: in quale arma hai prestato servizio militare? Non è che per caso sei un ufficiale? ....sai qui siamo tutti soldati semplici....anche Cap lo è o sbaglio? E' l'unico soldato che si può permettere di comandare tutti....
Che domanda "vintage". Comunque essendo io un vecchietto posso dirti che ho fatto il servizio militare nell'artiglieria contraerea. Precisamente nel 121 reggimento di Bologna. Giusto per rendermi  antipatico ti dirò che ero caporale ( ma non sono stato io a deciderlo).

13) Ti ringrazio del tuo tempo. Ti auguro un buon lavoro con il blog e ti rinnovo i complimenti per la tua originalità. Ti lascio questo ultimo spazio per dire quello che vuoi.....vai!
Io ringrazio te per la chiacchierata. Posso dire quello che voglio? Un po' di saggezza popolare: "A chi rifiuta pane e figa il Signore lo castiga"

SNAFU 2.0: radio bam! episodio 128

scaricabile / ascoltabile qui http://www.bam-magazine.it/?p=522

—————————————————————-
the Mojomatics - Behind the Trees (Outside Inside / Wild Honey LP)
The Snookys - Underdog (LP)
Movie Star Junkies - Son of the Dust (Outside Inside / Wild Honey LP)
The Manges - Uncle Waltz (Otis 7”)
Head - Sno-King Kung Fu (Otis 7”)
Queers - I don’t want to go to the Moon (Lookout! CD)
Mega - Jedi Knight (free!)
Tree House Society - Margarita on the Porch (Secret Suino 7”)
Bad Love Experience - The Kids have lost the war Pr. II (Tannen LP)
Sultan Bathery - Fireworkx (demo)
Kepi Ghoulie - Break my Heart (Asian Man LP)
Dog Party - What am i gonna do? (CD)
Lisa Marr Experiment - Little Sugar (CD)
Townes Van Zandt - Upon my Soul (Tomato CD)

Derozer + Duracel Live @ Romagnano Sesia

Ebbene sì! E' passata solo una settimana dal concerto di Brescia ma ho già voglia di rivedere i 4 vicentini sul palco.



Arriviamo alla R'n'R Roll Arena e scopriamo che in apertura c'è una terza band: si tratta dei Giaccinesi (che hanno un nome già di per sè poco invitante). Non ho mai apprezzato le band che si rifanno a Punkreas e Peter Punk quindi non li seguo più di tanto. L'unica cosa che noto è che il chitarrista (capello lungo e chitarra metallozza) all'apparenza sembra il figlio illeggittimo di Araya.
I Duracel suonano bene, veloci e compatti, poche pause e meno chiacchere del solito. La scaletta non presenta nessuna sorpresa ma non per questo il set risulta noioso. Sanno tenere bene il palco e non deludono. Ottimo lavoro!
Tocca ai Derozer! La scaletta è la stessa di Brescia (la trovate quà) ma a questo giro i Rozzi sono più precisi: non sbagliano un colpo! Anche i suoni sono migliori anche se a stare sotto Mendez le chitarre sono un po' sacrificate. Al lato del palco non c'è nemmeno troppo casino e mi posso godere il concerto senza prendermi gomitate sullo stomaco. Il locale è bello pieno ma non risulta claustrofobico. Concerto impeccabile ed emozionante alla faccia di chi si imparanoia sul senso di una "reunion". L'unica nota stonata del concerto è stata sul finale, quando, durante Branca Day, una massa di ragazzine ha invaso il palco ballando in modo alquanto imbarazzante (guardate il video). Il tutto finisce con Mendez che spinge le liceali per farle scendere dal palco: gag divertentissima! Non che fare le invasioni di palco ci sia nulla di male anzi, spesso sono esilaranti... Ma siate spontanei! Siete al concerto per divertirvi o per farvi vedere?

Onore ai Rozzi, che sanno fare il loro sporco ma gratificante lavoro come si deve!

Rocket From The Vault: Bazookas - Bazooline

Fanboy Records - 2000

Okay, è arrivato il momento di lanciare un altro razzo! 
Ho comprato il vinile di "Bazooline" a Berlino cinque anni fa, dopo aver chiesto al commesso del negozietto se avesse qualche buon gruppo rock tedesco underground.
I Bazookas erano un trio tedesco dedito al garage punk la cui discografia, oltre all'album in questione, si limita a una manciata di 7 e 10''. 
"Bazooline" è uscito nel 2000 in 500 copie (la mia è la 494) sull'etichetta garage di Amburgo Fanboy Records (che ha chiuso i battenti nel 2010 dopo quindici anni d'attività) ed è l'ultima traccia discografica lasciata dalla band, nata nel lontano 1993, il cui sito è ormai in disuso. 
Tredici tracce di garage punk essenziale e con robuste influenze rockabilly: pezzi veloci e dalla struttura semplice, con la batteria in quattro quarti, il basso che segue giri rock n'roll e la chitarra che macina powerchord distorti; qualche assolino completa il tutto. Alla voce si dividono il leader Jan Tm, che canta il più delle volte, e ogni tanto Meetz, la donna del gruppo.
Il disco a conti fatti non è particolarmente memorabile: divisa in modo incerto tra essenzialità punk e melodie rock n'roll la band non picchia duro e veloce quanto dovrebbe,e il sound ne risente in termini d'impatto, complice anche la voce nasale e monocorde di Jan. La voce di Meetz, sebbene manchi anch'essa di potenza, ha più personalità, peccato non l'abbiano fatta cantare di più. 
Sul versante positivo ci sono la qualità di registrazione, che rende dei suoni chiari senza ripulirli, e alcuni pezzi piuttosto interessanti come "Yes Man", "Burn Money Burn" e "Testimony"
Sarebbe curioso sapere cosa ne sia stato dei tre, ma Internet, come al solito, non ci da risultati. Sperando che abbiano avuto maggior fortuna post-Bazookas, possiamo intanto ascoltare qualche brano dell'album qui. Nel caso vi piacesse talmente da volerlo comprare, un po' di copie girano tra eBay e siti simili.

Vince Neil ha aperto uno strip bar!



Finalmente l’ha fatto! Vince Neil, cantante dei Mötley Crüe, ha aperto uno strip club! Si chiama “Girls, Girls, Girls” e si trova a Las Vegas. Imbolsito da alcool, botox e dopo vari interventi di chirurgia estetica, Vince è oramai un imprenditore di successo e (purtroppo) si diverte di più a fare “business” che a cantare con i Mötley. Ecco una breve lista delle sue attività:

1)      VinceNeil Ink, negozio di tattoo proprio sulla Strip di Las Vegas.
2)      Vince Vineyards, casa produttrice di vini.
3)      Ha creato l’“Off The Strip Poker Tournament” che si tiene ogni anno a Las Vegas.
4)      Ha lanciato la propria marca di tequila, la “Tres Rios”.
5)      Vince Neil Aviation, per viaggiare come una vera rockstar.
6)      Ha aperto il Dr.Feelgood’s Bar and Grill a West Palm Beach.

Vince non ha mai avuto un buon rapporto con le donne; è stato sposato 4 volte, nel 2003 è stato arrestato per aver aggredito la dipendente di un bordello e l’anno scorso è stato multato per comportamento violento dopo una lite con la sua ex. Quale modo migliore per dimostrare di essere cambiato e offrire le proprie scuse al gentil sesso? Vince, in un’intervista al Las Vegas Sun, ha dichiarato: “ È una cosa che ho sempre voluto fare, è un sogno che diventa realtà.” E prosegue, “Questo non sarà uno strip bar qualunque, e il tema principale sarà il  rock n’ roll. Innanzitutto le ragazze saranno sexy, provocanti e mozzafiato, i tatuaggi non saranno vietati e la musica non sarà affatto noiosa! Non ci saranno le tipiche canzoni da strip bar, bensì rock n’ roll al 100%, ovviamente metteremo anche un po’ di Mötley, insomma la gente si divertirà di sicuro!” Vince ha orchestrato il tutto alla perfezione, il locale si trova a circa un chilometro dal Las Vegas Strip e gli interni saranno simili al classico locale rock n’ roll, pieni di paccottiglia e memorabilia appartenuta ai Mötley Crüe e ad altri. Vince non esclude la possibilità di ricavare un reality da questo progetto, “Abbiamo discusso di filmare un pò dietro le quinte, per far capire alla gente cosa vuol dire iniziare un nuovo locale da zero, e in più abbiamo fatto un pò di gag sexy con le ragazze.” Grande Vince! Continua così!


Lo strip club ha aperto un paio di settimane fa, ma l’inaugurazione ufficiale è fissata per il 13 aprile. Siete ancora in tempo per prenotare un volo!

martedì 27 marzo 2012

SNAFU 2.0: theeTinkees+TeenageBubblegums+theSensibles

Il Deesonesto Tinkees si approccia al 2.0 mandandoci la segnalazione di un concerto 2 settimane prima della data...e senza locandina. Ci sono buone prospettive di miglioramento nell'uso del 2.0....ce la puoi fare!


Sabato 7 Aprile duemiladodici

theeTInkeeS
TeenAgeBubblegums
theSensibles

@BigBarrè - CESENAROCKCITY

SNAFU 2.0: KerouaK New Video!!

Gian The Monkey White Garlic, sebbene si sia dimenticato di linkare il video, ci fa sapere di questa novità....SNAFU non conosceva la band...ora la conosce, non male.


Kerouak 100% punk'n'roll dalla Sicilia.
Videoclip ufficiale di Shit on Your Face, estratto dall' e.p. MazingaBBirra, Kerouak Music 2011.

lunedì 26 marzo 2012

SNAFU 2.0: VAN HALEN - “A Different Kind Of Truth”

Il 2.0 ci mette in contatto con una vecchia conoscenza della caserma SNAFU...il soldato Cecchino Flavia ci invia questa recensione che amplifica gli orizzonti della nostra blogzine...proprio quello che vogliamo ottenere...qui si parla di tutto, il 2.0 non pone limiti.
Sebbene Pvt. Flavia non sia della 101esima, ma bensì dell'82esima, si pensa comunque di accoglierlo con calore...diamo inizio alle danze!


Interscope - 2012

È l’inizio del 1985, i Van Halen sono all’apice del successo e il loro disco 1984 (uscito il 9 gennaio 1984) ha scalato le classifiche. Tuttavia, di ritorno dal tour dello stesso anno, le tensioni artistiche e personali all’interno della band si acuiscono; da una parte David Lee Roth è scontento perché Eddie suona al di fuori della band senza chiedere il permesso agli altri membri del gruppo e fa abuso di alcool e droga, invece Eddie è stufo della personalità stravagante ed ingombrante di David. Agli inizi del 1985, mentre è ancora membro dei Van Halen, Roth fa uscire l’EP di successo “Crazy From The Heat”. Questa sarà la goccia che farà traboccare il vaso, e nel momento di massima popolarità la band licenzierà Roth.
27 anni dopo(senza contare la parentesi del 1996) la reunion tanto attesa è diventata realtà, e con “A Different Kind Of Truth” David “Diamond Dave” Lee Roth è di nuovo insieme ai fratelli Van Halen. Purtroppo al basso non troviamo il mitico Michael Anthony (chi si ricorda il suo basso a forma di Jack Daniel’s?) bensì il grassoccio Wolfgang Van Halen, figlio di Eddie (il nepotismo esiste dappertutto). Ci chiediamo tutti che senso ha una reunion del genere? Che senso ha un disco dei Van Halen nel 2012? Hanno ancora qualcosa da dire? 
Al primo ascolto sono rimasto piacevolmente sorpreso. “A Different Kind Of truth” è un album che scorre veloce e piacevole. Il disco suona compatto, energico e coinvolgente. La chitarra di Eddie suona fresca come non mai, sia riff che assoli sono semplicemente da pelle d’oca, il cantato di Diamond Dave è di nuovo al top, e la batteria di Alex da solidità al tutto. Come dichiarato da Roth, la maggior parte delle canzoni sono rielaborazioni di materiale inedito risalente a metà degli anni Settanta, agli inizi della band, e l’operazione sembra riuscita. Paradossalmente "Tattoo", traccia d’apertura nonché singolo estratto, suona un pò spento ed è il brano che convince meno. Con "She’s The Woman" l’album parte a razzo, il suo riff è accattivante, trascinante ed è impossibile non scuotere la testa. Le tracce successive sono tutte di alto livello e l’ascolto dell’album è in discesa; in "China Town" Eddie ci ricorda di essere uno dei re incontrastati della chitarra elettrica, "Blood and Fire" è una power ballad piacevole, non mancano pezzi decisamente aggressivi e hard rock al 100% come "Bullethead""As Is" "Out Of Space" e anche in chiusura con "Beats Workin’" l’album non perde intensità.
Insomma non saranno i Van Halen dei tempi d’oro sul Sunset Strip, e quest’album non aggiungerà molto ad una carriera vissuta ai massimi livelli, però Eddie & co. sono ancora in grado di farci divertire e sentire dischi come questo è sempre un piacere.

domenica 25 marzo 2012

Joey Ramone - 7" in Arrivo!


Sul sito ufficiale di Joey Ramone è stata pubblicata la copertina di "…ya know?", album postumo in uscita il 22 maggio. Per il Record Store Day (21 Aprile) sarà rilasciato anche un 7" che contiene  il brano Rock'n'Roll Is The Answer. Potete trovare ulteriori notizie su questo link

FAZ WALTZ - nuovo video


Nuovo video per i Faz Waltz....buona visione ragazzi!

Ben Weasel VS Fat Mike

Il soldato SNAFU non ci sta capendo poi molto...sarà l'inglese...sarà la confusione...sarà la primavera...tuttavia è in atto una telenovela stile Punkadeka tra Mr Ben Weasel e Fat Mike a colpi di tweet e messaggi su facebook. Sembra che Ben abbia chiesto scusa a Mike e gli abbia chiesto di partecipare al suo show radiofonico. Mike non gli ha risposto ma si è fatto beffa di Ben su Twitter.
Lasciamo a voi le conclusioni......il soldato SNAFU a livello musicale pensa che Mike faccia il culo 10 volte a Mr Weasel senza "se" e senza "ma"...tuttavia tutta sta storia per un cazzo di pugno ad una puttana ubriaca è semplicemente ridicola.
Supporto totale a Ben Weasel e lunga vita agli Screeching Weasel.

"Hey gang, Fat Mike from Fat Wreck Chords and NOFX has a beef with me that I don't understand. It started just about a year ago but I thought it died out when he kicked us off the label (in an interview!) for supposedly making fun of him in a song. But now he's back at it. I always thought Fat Mike was a straight shooter and I liked working with Fat Wreck Chords. I certainly never had any problem with Mike. Before things took an ugly turn, I even pitched him an idea for a low-budget doc about an improv My Dinner With Andre-style conversation between us, and he agreed to participate in it. It bothers me that he thinks I made fun of him in a song, since I didn't. He's said a lot about that and other problems he apparently has with me in interviews and on Twitter, but he's never taken the opportunities I've offered to discuss it with me. I'm chagrined, bemused, and other words from the thesaurus. I figure Mike seems like an interesting guy, so let's get him on Weasel Radio and hash this whole thing out like grown ups. But thus far he's ignored my requests. So do me a favor and help me out by hitting him up on Twitter at @FatMike_of_NOFX and ask him to join us on Weasel Radio to discuss his problems with me. We'll sort out this whole mess yet!"

Proprio a questo proposito un nostro accanito lettore ci fa sapere cosa ne pensa:
"IL SOLDATO SNAFU NON CAPISCE UN CAZZO DI PUNK ROCK ED E' MEGLIO CHE SI RITIRI DALLA SCENA E CHIUDA QUESTO BLOG TENUTO DA PERSONE IGNORANTI MUSICALMENTE PARLANDO, PERCHE' AFFERMARE CHE QUEL COGLIONE DI FAT MIKE E' MEGLIO DI BEN WEASEL E' COME DIRE CHE DIO ESISTE!!!!!!!!!!!!!!!!!"

sabato 24 marzo 2012

DO THE POP: LABRADORS/SHIVA RACKET & ALMOSTNESS!


Il flyer parla chiaro. Stasera. Milano. 3 euro. Ligera. Scusa mi fai uno spread? Ciao.

A volte ritornano....#1

"Il soldato SNAFU odia i Troll quindi, se devi trollare, fallo con stile e non farti scoprire!"

Mi pare che questa frase sia abbastanza chiara giusto? Tuttavia sembra che al giorno d'oggi non ci siano nemmeno i Troll un pò furbi e capaci di fare il loro rispettabilissimo lavoro di trollaggio selvaggio.
Ed ecco quindi che una vecchia conoscenza dei blog sul punkrock è approdata anche alla caserma SNAFU presentandosi con 3 commenti carichi di provocazioni....ma di quelle pesanti eh...di quelle che ti fanno pensare....e soprattutto di quelle originali che non si sono mai lette online (Lambrusco Kid di Punkadeka era dieci volte più bravo...lui sì che era un Troll con i coglioni).
Il soldato SNAFU pensa che queste 3 perle di saggezza segalitica siano troppo poco visibili - relegate nella sezione commenti di 3 articoli scelti totalmente a caso dal Troll - e quindi ha deciso di dedicarci una bella rubrica.....se magari ce li inviate con il 2.0 facciamo anche prima a pubblicarli. Grazie.

AHAHAHHAHAHAHAAHAHHAHAHAHAHAAHHAAH CHE BLOG AHAHHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAHAHAHAAHAHHAH MA SAPETE COS'E' IL PUNK ROCK!?!?!?

MAI SENTITA UNA CAZZATA PIU' GRANDE DI QUESTA!!!!!!!!!!! AHAHAHHAHAHAHAHAHH RITIRATI DAL PUNK ROCK CHE E' MEGLIO

QUESTO BLOG E' DI UNA TRISTEZZA!!!! SEI LA ROVINA DEL PUNK ROCK

giovedì 22 marzo 2012

The HEAD / MANGES split 7'' is good & hot enough...


Anteprima del pezzo dei Manges che uscirà sullo split con gli Head....SNAFU l'aveva già sentito live....da vinile suona meglio....e poi in copertina c'è l'aquila...

SNAFU 2.0: Super-festa di laurea!

Franz Barcella si è laureato....e scatta la festa.....


Amici punk-rockers
domani festeggio la mia festa di laurea, con un party tanto pazzo quanto disorganizzato

dalle 19:30 fino a mezzanotte, gran festona al Kanaka Garage, con rinfresco offerto da noi, DJ sets ed esibizioni dal vivo di:

- Miss Chain & The Broken Heels
- Hervé Peroncini (in acustico!!)
- Nena ed il suo ukulele
- Michele Dal Lago 

e' in centro a Bergamo, l'ingresso è gratuito, e se volete nel pomeriggio potete anche farvi un giro per la città...
dai!!

Jojo in the Stars - nuovo video, canzone vecchia


I Jojo in the Stars, band fanatica di Marvel Comics come il soldato SNAFU, fa uscire questo video DIY per farsi un pò di pubblicità. La canzone è del loro album precedente....il video è nuovo di pacca. Fatelo circolare.

Video by Goldfish Media

Info:

mercoledì 21 marzo 2012

DEATH VALLEY SUPERHEROES - Italy is not Bunga Bunga!

Winter Beach - 2012

Tralasciamo la bruttezza della copertina. Tralasciamo anche la bruttezza del nome della band. Tralasciamo il qualunquismo del titolo con rimando a Berlusconi vietato ai maggiori di 16 anni. Cosa ci rimane allora?
La musica grazie a Dio....abbiamo qui un EP di otto pezzi un pò fuori dai canoni del punkrock scritti da una nuova band composta da alcuni membri dei Jojo in the Stars.
Fondamentalmente abbiamo del rock un pò tamarruccio che rimanda ai primi Gerson (lontanamente) e a band underground come i milanesi Joker's. Nulla di speciale a dire la verità.....apprezzabile il tentativo di uscire dai limitanti confini del pop-punk e tentare qualcosa di diverso e anche più complesso dal punto di vista compositivo, tuttavia il risultato rimane alquanto acerbo e privo di canzoni che ti sappiano realmente colpire e far canticchiare da solo. Il problema è proprio qui, non si capisce bene cosa vogliano realmente fare i ragazzi...sicuramente hanno le carte in regola per tirare fuori pezzi fighi, suonarli bene e registrarli meglio, ma per ora stiamo ancora volando bassi.....seguiremo gli sviluppi futuri con piacere.

PS: Il ritornello della title-track è purtroppo, mi duole dirlo sia chiaro, il punto più basso della musica mondiale...."bunga bunga bunga I don't wanna bunga" soppianta il ritornello di "Silvio is not my President" dei milanesi Killer Sound....e ce ne vuole!

Social Distortion: 2 rarità sul loro facebook


Sul Facebook dei Social Distortion potete trovare in streaming due "nuovi pezzi": il primo è una registrazione live di "Prison Bound" alla BBC Radio 1; il secondo, "Shame on me" è una B-sides de sto cazzo.
Robaccia....

lunedì 19 marzo 2012

NANDO plays Frank Turner @ Libra (Monza)

Foto di Fabrizia Perin

Il soldato SNAFU pensa che i Senzabenza siano la migliore punkrock band della storia italiana...e se la giocano mica male anche a livello mondiale. Ne consegue che Nando Benza è il miglior songwriter punk italiano. Qualcuno ha qualcosa in contrario? Prego...cambiate blog.
Da poche settimane è in giro per alcuni localini italiani a proporre un set acustico che spazia dal suo nuovo amore per Frank Truner ad alcune gemme punkrock targate Ness, Graffin e Ramone. Inutile dire che quando il suo show arriva a Monza il soldato SNAFU ci si è fatto paracadutare al volo...e quindi assunta la forma di un angelo ed agganciata la fune di vincolo ecco che ci si ritrova al Libra.
L'orario è quello da aperitivo...il posto è piccolo e la gente è tanta...tutta affamata. Mentre si fa avanti e indietro dal bancone con i piatti pieni di "robbba buona da magnà" il buon Nando suona circa 30 minuti di cover di Frank Turner....lo conoscevo solo di nome...non mi ha impressionato sinceramente...a cosa serve un Turner quando abbiamo già un Cranford Nix? Ma alla fin fine questo discorso non regge un cazzo perchè si potrebbe andare avanti e dire: "a cosa serve un Nix quando avevamo già un Thunders?" e via dicendo fino ad arrivare ai Maya che se la suonavano e se la cantavano coi tamburi. Di conseguenza trovo questi 30 minuti un soave e piacevole accompagnamento per le faccende culinarie in cui sono affaccendato...e poi la voce di Nando renderebbe degna di essere ascoltata anche la famigerata "Ai Se Eu Te Pego".
Piccola pausa e rinizia il set, questa volta con la parte punkrock. A far da spalla a Nando si alternano il Basetta dei Willy Wonkas e Directors (le bands per cui lo voglio ricordare con piacere) con il loro set "anomalo" a base di Prima Donna, Supersuckers e....udite udite..."Baby" dal tristemente famoso "Volume 4"; Lorenzo Crummy con un set a cavallo fra Social Distortion e Bad Religion ed infine Fab Crooks con i Ramones a tutto volume.
Bello....che dire di più? Proprio bello...ci fosse ogni domenica un aperitivo acustico così sotto casa! E poi cazzo - e qui mi sciolgo - sentire "Baby" live è stata una figata...il mio album preferito dei Senzabenza è proprio quello più odiato da tutti....e con stupore scopro anche da loro stessi. Sembra sia per via dei testi in italiano....una forzatura che non farebbero mai più....ma dopotutto, se questo può farli sentire meglio, se traducessimo "All Screwed up" dei Ramones non penso otterremmo testi assai più intelligenti di "Tuuu proiettata in tv mi sembri ancora più bella mentre spalmi la Nutella".
Nando è imperdibile...credete al vecchio SNAFU....tenete d'occhio il suo Facebook per scoprire le prossime date...e se siete di Milano e vi siete persi questo show....DOVETE venire qui!

Antares - Big Trouble in Appletown


Sebbene gli Antares erano stati poco considerati da Judi Ramone io li recensisco ugualmente. L'avrò già detto, ma mi ripeto senza problemi, possono piacere o meno, ma sono la migliore live band in circolazione! Big Trouble in Appletown è il nuovo disco co-prodotto dalla sempre ottima Rancore! e rispetto alla precedente produzione è un ulteriore passo in avanti. La base è chiaramente speed-rock (ma speed per davvero...) ma per essere più preciso direi che il suono degli Antares è il risultato di una Royal Rumble tra i Metallica periodo Whiphlash, un 33 giri degli Ac/Dc spinnato a 45 ed il rock'n'roll 50's filtrato attraverso il buon gusto del caro vecchio Lemmy. A breve saranno in tour con gli amici Seditius, andateveli a vedere.

domenica 18 marzo 2012

Derozer + Duracel + Riccobellis Live @ Latte+



Il momento è arrivato, alla fine: dopo quattro anni di pausa, i Derozer si sono riuniti. La prima data è al Latte+ di Brescia e non si può mancare, così qui nella trincea del soldato SNAFU abbiamo formato un commando e ci siamo catapultati direttamente in prima linea.
Durante la traversata sul blindato la curiosità e l’eccitazione sono alle stelle; ero solo una giovane recluta sbarbatella quando ho cominciato ad ascoltare i rozzi e le prime canzoni che abbia mai suonato erano loro. Sembra quasi un segno del destino che si riuniscano proprio ora che sono tornato di stanza sul fronte milanese: uno degli ultimi concerti che ho visto qui è stato proprio il loro.
Arrivati al locale, nel mezzo della desolazione dei capannoni di periferia, incontriamo già un discreto numero di punk rockers da tutta Italia: quando una band così chiama di nuovo alle armi, la risposta non può che essere massiccia.
Alle dieci e mezza attaccano i Riccobellis, primo dei due gruppi d’apertura. Per l’occasione alla batteria c’è l’ex Bleekers Marco. I tre si lanciano nel loro punk rock ramonesiano e ci mettono molto impegno, ma il risultato non è dei migliori: il sound è un po’ confuso e i pezzi non attaccano. Forse è la serata sbagliata, mi riservo comunque di vederli una seconda volta per decidere.
Dopo di loro tocca ai Duracel, che richiamano il pubblico sotto il palco e lo scaldano a dovere.  Stasera suonano belli duri e veloci; anche la voce del cantante è più roca e incazzata. Per sfruttare al meglio il tempo la band spara i pezzi tutti d’un fiato senza mai mollare il colpo: c’è tempo solo per qualche parola di elogio per gli headliner.
Aprono con Di Nuovo Lunedì e proseguono alternando pezzi vecchi e nuovi, che il pubblico mostra di conoscere a memoria. Dall’amarcord di Voglio Ritornare Al Liceo e Anni ‘90 all’ironia di Deejay e Melissa P, passando per i pezzi più sentimentali come Non Tornare Più: la scaletta lascia tutti soddisfatti. Chiusura obbligata, con tanto di dedica, con Germano.
Dopo il cambio palco, sulle note della musica introduttiva salgono finalmente i rozzi. Mendez mostra subito i medi al pubblico, che lo ricambia cantando “ciccione” in coro,proprio come ai vecchi tempi: un buon segno.
Spiazzando le nostre previsioni, l’apertura è affidata a Cuore Brucia e il delirio parte in un attimo: il locale adesso è bello pieno e il pogo divampa come un incendio. 
La pausa ha fatto bene ai rozzi: sono belli carichi e picchiano duro sugli strumenti.
Ci regalano subito una chicca con 144, poi momento commozione con Suzy, ma subito la violenza riparte con Blackout. Il concerto continua a lungo e senza pause - suonano ben 25 canzoni! - e passano in rassegna tutti i pezzi classici, come Canzone Ska, No Surf e la mitica Bar. Non mancano comunque altre sorprese come Psicopatico, Amore Sincero e l'inedita - anche se ormai già conosciuta - Zombie. Gran finale con Alla Nostra Età e, ovviamente, Branca Day, in cui il pubblico prende praticamente il comando alla voce.
Torniamo a casa sfatti e soddisfatti: punk's not dead!

La scaletta completa dei Derozer:
Cuore Brucia
Chiusi Dentro
144
Suzy
Blackout
Nuvola
Nuova Generazione
2100
Canzone Ska
Cielo Nero
TG
Amore Sincero
Psicopatico
Bar
Vento
Lungo La Strada
Fedeli Alla Tribù
Zombie
No Surf
Tu Lo Sai
Straniero
Mururoa
Alla Nostra Età
Branca Day

SNAFU 2.0: I Manges da un altro punto di vista

Proprio mentre il soldato SNAFU scriveva il report di ieri sera, anche il buon TOMMY27 (chiunque egli sia) si armava dei poteri del 2.0 per farci sapere il suo punto di vista riguardo a ieri sera. A parte che ogni volta gli devo correggere le maiuscole dopo il punto...per il resto direi che ci siamo. Un grazie come sempre.

Serata punk rock all'honky.
Iniziano i Morbeats; sono in quattro e vestiti da preti con tanto di santini lanciati a metà concerto, a me 'ste mascherate non piacciono troppo..ma contenti loro..Suonano comunque bene, pop punk con tanti coretti, il pubblico apprezza.
Salgono poi i Tough che mi fanno una grandissima impressione: ramonesiani di primordine, suonano potenti e veloci una canzone dietro l'altra senza cazzi; spaccano proprio e ovviamente ci piazzano un tris finale di cover dei Ramones (come mi suggerisce un mio socio "ci prendono per la gola"): grandi questi tre veterani, spaccano proprio!
Infine ecco i Manges, il locale è pieno di vecchie facce per loro..e loro non deludono: la scaletta è la stessa degli ultimi live e prende un po' da tutti gli album: anche loro suonano veloci un pezzo dietro l'altro..credo proprio che nell'ultimo anno gli spezzini siano cresciuti moltissimo a livello live: potenti e precisi e con grande presenza sul palco; suonano un'oretta e chiudono con Commando e la "solita" "say goodbye to your generation" dei methadones: grandissimi!!! 

Manges + Tough + Morbeats @ Honky Tonky


Data difficile sulla carta, infatti a Brescia i Derozer fanno la prima data del reunion tour....ripensandoci, considerando che IN MEDIA i  Manges li ascoltano solo quelli dai 22 anni in su...e i Derozer quelli dai 13 ai 22, le due date non dovrebbero ostacolarsi. E così è. Tantissima gente in Brianza per questo mega show pop punk con tanto di facce nuove che ho imparato subito ad odiare. Ma andiamo con ordine...

Aprono le danze i Morbeats con il loro punk'n'roll frenetico. Tanta gente per loro. Potrebbero cavalcare "l'onda del successo" che in questo momento investe band a loro simili (leggi: Beats me) e invece buttano tutto a puttane suonando malissimo e vestiti da preti. Meno male che sono miei amici e conosco la loro immensa ed invidiabile integrità morale, se no me ne sarei andato fuori alla prima canzone...quale occasione migliore per iniziare a fumare?!?
Tuttavia in sala sembra che la gente non la pensi come me...infatti i milanesi attirano un manipolo di kids presi bene che iniziano a tenere il tempo con le gambe e con le mani....è risaputo che i ragazzini appena assistono ai più beceri ed oratoriali tentativi di pigliare per il culo la Chiesa impazziscono come davanti ad un video di YouPorn. Tanto meglio così per i Morbeats...

Ecco il turno dei Tough. Show canonico. A tratti un pò sottotono causa suoni della chitarra ridicoli...non so se dovuti a problemi tecnici o al fatto che bisogna mettersi in testa che la Mosrite sarà pur figa quanto si vuole, ma a Johnny Ramone suonava bene solo perchè aveva un plotone di amplificatori dietro le sue fottute spalle, per noi comuni mortali è e sarà sempre una chitarra che suona di merda. 
A parte tutto ciò mi emoziono fisicamente a risentire "me and you", mi sono venuti i brividi...quelli reali...non quelli che si dicono alla cazzo e con la stessa noncuranza con cui diciamo "bomba" o "idolo totale". E poi i pezzi nuovi hanno quel vago sapore Hymaniano che ci sta a pennello.
Rimango tuttavia convinto che se i Tough sono nati e si sono fatti conoscere in mezzo mondo come la band che suonava Ramones-core in 10 minuti un motivo ci sarà...ovvero...devono continuare a farlo in 10 minuti...magari in 15 dai.

Chiudono le danze i Manges. Li vedo per la prima volta con Mayo e, non so se per merito suo, fanno lo show più carico che io abbia visto da quando li conosco...quindi diciamo da circa 6-7 anni? Probabile che domani la penserò diversamente.
I suoni sono perfetti...la batteria potentissima...il movimento sul palco c'è...il pezzo nuovo è perfettamente integrato con la scaletta (anche perchè è uguale a tutti gli altri...concedetemelo)...si perdono via solo su "Another Day", capita. 
Sorpresa delle sorprese: in mezzo alle prime file c'è ancora quel manipolo di kids che balla, spintona (troppo) e.....canta le canzoni! Wow...dei nuovi fans dei Manges under 18....già li odio con tutto il mio cuore. 
A peggiorare le cose ci pensa un gruppo di over 45 che si mettono a fare i 13enni surfando alla cazzo e rompendo i maroni a chiunque. Da dove arrivavano? Alcuni sembrano tronisti di Maria De Filippi con il muscolo scolpito nello show-biz....vorrei far loro notare che stanno smaronando chiunque, ma poi ricordo che i tempi in cui i muscoli del soldato SNAFU erano scolpiti nel sudore e nel rigore di Camp Toccoa sono ben lontani. Sono solo un reduce dopotutto...una specie di Nonno Simpson con più stellette.

Assisto ad uno show dei Manges a cui presenziano nuove (e vecchie) leve...dovrei essere contento, ma invece il cazzo mi gira a 360°....sto per sputare fuori tutta la mia spocchia per evitare il collasso quando ad un certo punto mi innamoro della nuova barista dell'Honky Tonky. Dimentico tutto. Il mio cuore si riempie di affetto per quella paradisiaca creatura dal nome da ciclo Arturiano. Gravito attorno al bancone senza comprare nulla con sguardo inebetito. Quando mi accorgo di aver superato il limite del buon gusto me ne vado, lasciando le mie sorti sentimentali in mano al buon vecchio Facebook.

sabato 17 marzo 2012

STASERA: Manges + Tough + Morbeats @ Honky Tonky


Questa per tutti i brianzoli e milanesotti punkrock ci sono i Manges all'Honky Tonky. Ad aprire le danze ci pensano i Tough ed i Morbeats (che non fanno poppunk, ma sono strafighi).

Il soldato SNAFU si chiede in quanti stanotte torneranno a casa facendo pensieri come quelli di questo boy siracusano. A tratti fa sorridere (i Queers che scelgono le band spalla? eheh) ma a tratti mi lascia l'amaro in bocca per l'innocenza che forse in zona abbiamo perso tutti.

giovedì 15 marzo 2012

SNAFU 2.0: Queers @ amigdala theatre trezzo d'adda

Il buon Tommy 27 ci ha preso gusto ad usare il 2.0 e ci racconta come è andato lo show dei Queers a Trezzo d'Adda. Il soldato SNAFU non ha nulla da dire se non che Joe Queer è sempre il migliore...anche se un pò più inacidito del solito.

Appuntamento annuale con i queers: non si può mancare. 12 euro senza neanche la consumazione è una ladrata ma vabbè...Prima di loro sul palco the Sensibles: arrivo tardi e li sento poco, una tipa alla voce: tutto ok.
Suonano poi i Riccobbellis: ne ho sentito parlar molto bene ma in realtà non mi entusiasmano..i gusti son gusti. La voce del chitarrista mi piace più di quella del bassista ma le canzoni sono un po' stereotipate: è punkrock cazzo chiedo di più?
Salgono poi i Queers: formazione ormai tipo: Dave, Lurch e Joe.
Joe ha la solita faccia incazzata e le vene sempre più varicose..ma stavolta è incazzato davvero: l'asta del microfono traballa e quasi se ne va..inizia a suonare scazzatissimo: però è Joe the king e quindi tempo zero spara mille perle: scaletta con tutti i classici (soprattutto da don't back down) sparati uno di fila all'altro senza cazzi..sono sempre loro.
In realtà c'è un problema: la voce non si sente per niente..voi direte: quando cazzo a un concerto dei Queers si è sentita la voce? è vero, ma stavolta è proprio imbarazzante, se non capisci che canzone sia in un secondo non ci capisci niente..dal canto suo Joe non aiuta perchè come sempre canta a caso pezzi di parlole inventate...insomma si sente proprio male!!
anche le forze dei tre finiscono presto: suonano meno del solito e anche se ci mettono Boobarella non fanno Born to do dishes, i only drink bud e nenche, peccato mortale granola head..
insomma i tre non mi sono sembrati le solite macchine da palco, erano scazzati e volevano finire al più presto (avran suonato 30-40 minuti)..morale, li vado a rivedere a piacenza. I Queers sono sempre i queers.

NIDO DI VESPE su SLAUGHTERHOUSE RECORDS

SWAMP inaugura una nuova etichetta del circuito, che si occuperà di punk, hardcore, metal e delle loro derive più estreme: SLAUGHTERHOUSE RECORDS

La prima band prodotta dalla nuova etichetta è una delle più giovani promesse dell'underground italiano più cupo e incazzato: i NIDO DI VESPE, grinding trashcore da Lucca.

Dopo alcune uscite più o meno ufficiali e la partecipazione in diverse compilation che hanno portato in giro i NIDO DI VESPE per tutta Italia e mezza Europa, la band toscana è pronta a rilasciare il suo album di debutto "Il giorno che siamo tutti morti".

Il disco è stato registrato al famoso Studio Emme Recording di Calenzano (FI), mentre mixaggio e mastering sono stati affidati al Toxic Basement Studio (Cripple Bastards, Greedy Mistress, Antiseen, Foad Records).

L'uscita del disco è prevista tra Aprile e Maggio 2012.

Monster Zero newsletter - Marzo 2012

Kevin Aper conosce SNAFU e ci invia la sua newsletter....sono sicuro saprete tradurla! 

The MONSTER ZERO Newsletter March 2012!


NEW MONSTER ZERO BAND: SUGUS (ES)!
It took awhile but finally we can report with pride: Sugus from Madrid will release their new record  'Ciclostes' on Monster Zero. These Spanish punkrock legends have been around for some years and their 'Learn To Be A Mornard' record is an absolute classic. The record will be out on vinyl in May, and Bell On Records from Japan will release the record on CD. Expect Sugus on tour this fall in Europe!

THE BACKBREAKER BITES!
In a fair world, The Bat Bites would be rich and famous. But in this dimension, they're not. Merel dropped out of school, Mikey is waiting tables, Florian broke up with Kevin Aper and Scott is driving a bus full of old people through Europe. Unfortunately Scott has to do this at the end of March too, so he can't plat at the Crossbone Festival. Luckily the Bat Bites are good friends with the excentric punkrock millionair Ivo Backbreaker. He's willing to fill in for Scott! So expect the Bat Bites live on two occasions with Europe's best poppunk drummer!

PRICEDUIFKES 'R GO!
Ricky D, Mambo and VS are spreading the word on their latest hitrecord 'Can't Lose'. Shows all over Belgium, Holland, Germany and Scandinavia, an upcoming tour with Direct Hit and the vinyl version of the record will be out soon. On the 16th of March they will be accompanied by 100 punkrockers in two touring cars to their show in Eindhoven. But they're still looking for a show somewhere in Holland or Germany on April 1st, so if you can help, get in touch with Goomba.

SPLIT THE ATOM WITH THE MANGES!
There's no stopping the Manges from rockin'! The Italian punkrock veterans are busier than ever. Besides a new 7” on Monster Zero (soon!) and the re-release of their 2001 record 'The Manges 'R Good Enough', the boys will release not 1, not 2 but 3 split 7”es this year. The vinyl space will be shared with Fast Food (ES), Head (USA) and The Apers (NL). And if all that wasn't enough, word is on the street of a Manges / Apers Japan tour in late 2012.

IT REALLY DEECRACKS ME UP!
Mike DeeCrackus is a busy man. School, work, life in general. But his band comes first place. The Austrians have reunited with old bassplayer Manu and are recording new stuff as we speak. In April they will release two splits, one with 7 Years Bad Luck (AT) and one with labelbuddies The Murderburgers. DeeCrascks also joined forces with Panther Booking and Otis Tours for some touring action all over Europe. In a shitty venue near you sometime this year. Punkrawk!

THE BRIGHTON BREAKOUT!
Monster Zero recording artists The Hotlines, who have just released a magnificent 10”, are planning a crazy party called the Brighton Breakout. They've done it before and will do it again. On June 22nd and 23rd, the city of Brighton will be host to great bands like Sugus, The Priceduifkes, Maladroit, The Bat Bites, Accelerators and more! Did someone say British Monster Zero Mash? And in case you don't know who the Hotlines are, buy their record and go see them in Holland and Belgium later this month.

BUBBLEGUM DREAMS!   
Goomba don't say Italians are lazy or slow. But when Teenage Bubblegums joined Monster Zero, Goomba did tell them not to fuck around. Good news, they didn't! A new website, cool new merchandise and a shitload of shows coming up. Bubblegums did good, now you do the same and get their latest record 'Learn From Yesterday, Live For Today, Pray For Tomorrow' on either LP, CD or both.

NEW 20 BELOWS RECORD!
Amazing how good news can make you sad. The 20 Belows from Denmark have recorded a new record, which is great! But it won't be out on Monster Zero, and that's sad. Anyway, it should a be a killer record and the amigos from Kopenhagen will tour hard and heavy through Europe to support the record. Go see them and request 'Shiny Little Hearts'!

PIZZA MAFIA WINDOWSILL
They said they wasn't but now they're gonna! Windowsill is hitting the road. First they'll hit a plane from the Netherlands to Italy and there they will perform a few shows. So if you live in the land south of Austria, make sure to catch them. A few shows are confirmed and you can find them in the shows section of this newsletter.

NEW MURDERBURGERS ALMOST READY!
True story! The new record from our Scottish boyfriends is almost ready! Recordings are done, mixing etc done done done. Fraser will bring it to the pressing plant on his little pink bike, and it will rain cotton candy and lollypops. More news soon.

GOOMBA’S NEWS TELEX YO!
Max Power didn't break anything so far this year – The Apers live record is almost ready – Ricky D no ski – Windowsill will put out 17(!) split singles this year – Jerry Hormone moved to Korea – Gary X is jealous – Stefan Stardumb moved to Costa Rica – Kasper Keen moved to France – Pablo Sugus moved to Barcelona – Andrea Manges is now on Facebook – The Accelerators like driving home after the show – Merel Bat Bite got accepted to Harvard – Ivo Backbreaker is writing a book – Billy Bubblegum and Ben Hotline will star in Rocky: The Musical – thrash metal makes you fat.

GET MONSTER ZERO RELEASES WORLDWIDE!
Besides ordering your favorite Monster Zero releases directly from Goomba, you might also wanna check out the following distro’s, since one of them might be located really close to your crib. Here’s a list of Monster Zero distributors all over the world:

Benelux:

Sonic Rendezvous (www.sugarandspice.fr)
Austria:
Bachelor Records (www.bachelorrecords.com)
Germany:
Soundflat (www.soundflat.de)
France:
Jardin Des Fous (www.guerilla-asso.com/jdf)
UK:
Brassneck Records (http://brassneckrecords.bigcartel.com/)
Italy:
NEW! Striped Punk Rock Shop (http://striped.bigcartel.com/)
Making Believe Records (www.myspace.com/makingbelieverecords)
Spain:
No Tomorrow Records (www.notomorrowrecords.com)
USA:

Interpunk (www.interpunk.com)
It’s Alive Records (www.itsaliverecords.com)
Japan:
Hyper Enough Records (www.hyper-enough-records.com)
Waterslide Records (http://watersliderecords.com/)
Dumb Records (www.dumbrecords.com)
The whole world:
Monster Zero: www.monsterzero.nl/shop

MONSTER ZERO BANDS PLAY LIVE!
Go check out our minions on stages all over the globe:

The Bat Bites:
Fri 23 Mar @ De Beuk, Barendrecht (NL)
Sat 24 Mar @ Crossbone Fest, Houthalen-Oost (B)
Sat 5 May @ PunkFest Substanz, Osnabruck (D)
Sat 12 May @ Big Bear, Krimpen a/d Ijssel (NL)
Sat 26 May @ Turbojugend Party, Assen (NL)
Sat 23 Jun @ Brighton Breakout, Brighton (UK)

DeeCracks:
Thu 29 Mar @ Arena, Vienna (A)
Fri 20 Apr @ Aera, Vienna (A)
Sat 21 Apr @ Music-House, Graz (A)

The Hotlines:
Weds 21 Mar @ The Prince Albert, Brighton (UK)
Fri 23 Mar @ De Beuk, Barendrecht (NL)
Sat 24 Mar @ Crossbone Fest, Houthalen-Oost (B)
Sun 6 May @ The Hope, Brighton (UK)
Fri 22 June @ The Hydrant, Brighton (UK)

Maladroit:
Fri 23 mar @ tba, Laval (F)
Sat 24 mar @ Le Sesam, Ambrault (F)
Thu 29 mar @ Le Bateau Ivre, Rouen (F)
Fri 30 mar @ tba, Caen (F)
Sat 31 mar @ La Scene Michelet, Nantes (F)
Thu 26 april @ Les Combustibles, Paris (F)

The Manges:
Fri 16 Mar @ United Club, Torino (I)
Sat 17 Mar @ Honky Tonky, Seregno, MI (I)
Sat 31 Mar @ Three Chords Fest at Fillmore, Cortemaggiore PC (I)

The Murderburgers:
Sun 25 Mar @ The Admiral, Glasgow (SCO)
Sat 31 Mar @ Banshee Labyrinth, Edinburgh (SCO)
Fri 6 Apr @ Club Kage, Dundee (SCO)
Fri 20 Apr @ Banshee Labyrinth, Edinburgh (SCO)
Sat 20 Apr @ Love Music, Glasgow (SCO)
Sat 20 Apr @ 13th Note, Glasgow (SCO)
Tue 24 Apr @ The Cherry Tree, Canterbury (ENG)
Fri 27 Apr @ Bla, Bonn (DE)
Mon 30 Apr @ Queensday Festival, Venlo (NL)
Tue 1 May @ Shaka Laka, Hazebrouck (F)
Wed 2 May @ Winson, Amsterdam (NL)
Wed 9 May @ Les Combustibles, Paris (F)
Fri 11 May @ La Antigua Estación, Oviedo (ESP)
Sat 12 May @ Wurlitzer Ballroom, Madrid (ESP)
Sun 13 May @ Loco Club, Valencia (ESP)
Mon 14 May @ Four Seasons, Castellon (ESP)
Tue 15 May @ Mistral Club, Valence (F)
Thu 17 May @ Werk 21, Zurich (CH)
Fri 18 May @ Kofmehl, Solothrun (CH)
Sat 19 May @ Zimmer 4, Regensburgh (DE)
Sun 20 May @ Kunstverein, Nurnberg (DE)
Tue 22 May @ Lorenz, Munster (DE)
Wed 23 May @ Hafenklang, Hamburg (DE)
Thu 24 May @ Beta, Kopenhagen (DK)
Fri 25 May @ Cassiopeia 3rd Floor, Berlin (DE)
Sat 26 May @ Chez Heinz Salon, Hannover (DE)
Sat 2 June @ Strummercamp Festival, Manchester (ENG)

The Priceduifkes:
Fri 16 Mar @ Area 51, Eindhoven (NL)

Sat 17 Mar @ Metteko, Mechelen (B)

Fri 23 Mar @ JH Korridor, Beerse (B)

Fri 23 Mar @ Crossbone Fest, Houthalen (B)

Sat 24 Mar @ Crossbone Fest, Houthalen (B)

Fri 30 Mar @ Groningen (NL)

Sat 31 Mar @ Kopenhagen (DK)
Sun 8 Apr @ JH Knipperlicht, Waregem (B)

Tue 1 May @ Shakalaka, Hazebrouck (F)

Sat 5 May @ Rock Stenen, Lichtaart (B)

Sat 12 May @ JH 't Verschil, Herenthout (B)

Sun 13 May @ Chiro Houthalen (B)

Wed 16 May @ Lille (F)

Thu 17 May @ 12 Bar, Swindon(UK)

Fri 18 May @ Old Angel, Nottingham (UK)

Sat 19 May @ Balcony Bar, Dundee(UK)

Sun 20 May @ 13th Note, Glasgow (UK)

Mon 21 May @ Fenton, Leeds (UK)

Wed 23 May @ Black Heart, Camden, London (UK)

Thu 24 May @ Bang Bar, Basingstoke (UK)

Fri 22 Jun @ Le Havre (F)
Sat 23 Jun @ Brighton Breakout, Brighton (UK)

Fr 29 Jun @ Zeveneken (B)

Sat 1 Sep @ Skatefest, Olen (B)

The Ratcliffs:
Sun 1 April @ PMK Club, Innsbruck (A)

Sugus:
Sat 5 May @ Menudo Fest. Rock Palace, Madrid (ES)
Sun 6 May @ Menudo Fest. Rock Palace, Madrid (ES)
Fri 22 June @ Brighton Breakout fest, Brighton (UK)

Teenage Bubblegums:
Sat 10 Mar @ Babazuf, Castel di Lama, AP (I)
Sat 31 Mar @ Cavern, Livorno, LI (I)
Sat 7 Apr @ Barrè, Cesena, FC (I)
Fri 13 Apr @ Linc, Cuorgnè, TO (I)
Thu 3 May @ Honky Tonky, Seregno, MI (I)
Fri 4 May @ Dallò, Castiglione delle Stiviere, MN (I)
Sun 6 May @ Ungawa Tiki, Bergantino, RO (I)

The Windowsill:
Fri 24 Mar @ Crossbone Fest, Houthalen (B)
Wed 18 April @ Arci Dallò, Castiglione delle Stiviere, MN (I)
Fri 20 April @ Green Beach, Avigliana, TO (I)
Sat 21 April @ Skaletta Rock Club, Las * Pezia (I)
Sun 22 April @ Devil's Den Pub, Salsomaggiore, PR (I)
Sat 5 May @ db's bevrijdingsfestival, Utrecht (NL)

Bring on the spring, when we can all sit outside and drink pilsners! Stay tuned for more rock n roll, and don't bust my chops. Holllllllaaaaaaaaa at your mushroom.

Monster Zero
P.O. Box 2570
2940 AB Lekkerkerk
The Netherlands
www.monsterzero.nl

mercoledì 14 marzo 2012

Bouncing Souls - Ecco il primo singolo del nuovo album!


In attesa dell'uscita di Comet, nuovo album dei Bouncing Souls, prevista per il 12 giugno, la band ha pubblicato su youtube un primo singolo dal titolo Static. La band già reso nota la track list dell'album, che conta 10 pezzi. La copertina dell'album, un evidente richiamo a How I Spent My Summer Vacation, faceva pensare che la band volesse riprendere quel sound abbandonato da tempo. Ma Static non conferma questa impressione (purtroppo). Per maggiori informazioni date un occhio a questo link.